Bonacossa esagerato: anche l’ Harbour va al tappeto !

 

WP_20141011_001 (2)

C’è il pubblico delle grandi occasioni per il testa a testa tra le due capoliste imbattute. Chi pensava ad una maratona di ping pong è rimasto però spiazzato: i Gagliardi’s boys, guidati in panchina dal sapiente Luca Manca, si aggiudicano in maniera piuttosto netta lo scontro diretto nel derby milanese con l’Harbour.

Di fronte ad un 5 a 1 che non lascia spazio a molte repliche, viene da pensare fino a che punto siano da premiare i meriti dei nostri piuttosto che i demeriti degli avversari.

Sul campo, oltre ad una certa supremazia tecnica, i blu di via Mecenate hanno dimostrato sicuramente una voglia di vincere maggiore dei cordialissimi avversari, praticamente entrati in partita a giochi pressoché fatti.

Nel primo head to head il nostro Alessio Guglielmi impiega pochi scambi per venire a capo dei servizi di Roberto Vecchio e lo batte in tre set facendo leva su un gioco di scambio e top spin di dritto con pochi eguali a questi livelli.

Prova di forza anche per il capitano opposto nel secondo incontro ad Alessandro Ciampitti. L’uomo bionico peschierese scardina la resistenza del pongista rossonero nei primi due set secondo uno schema consolidato di servizi tagliati abbinati a dritti pesantissimi. Nel terzo set la reazione del portacolori Harbour, unita ad alcuni errori di misura del capitano, portano la contesa fino al quarto parziale. Qui però Marco mette a frutto i consigli di Manca aprendosi bene il campo con rovesci incrociati che spianano la strada a poderose schiacciate di dritto: 11 a 5 per Gagliardi e secondo punto in cascina.

Maurizio Giordano dell’Harbour è un signor giocatore, un lusso per la D2; nei precedenti incontri ha fatto polpette degli avversari. Impostato stilisticamente molto bene, lo si può definire un giocatore completo. Ad inizio incontro il suo repertorio di servizi superiori e laterali manda in tilt il nostro Bartolotta. Nicola però è un osso duro che si esalta nelle partite con i migliori e dopo un inizio in apnea (era sotto 6-1!) dà battaglia rispondendo colpo su colpe alle accelerazioni del numero 1 ospite e mostrando tra l’altro una condizione atletica invidiabile. Il primo set vinto ai vantaggi dà la consapevolezza al pongista calabro-monzese di poter celebrare l’impresa di giornata. Come una belva ferita, Giordano reagisce nel secondo parziale frastornando Nicola a furia di servizi tagliati e lasciando il nostro portacolori a 7. Manca suona la carica dalla panchina e dal terzo set Bartolotta eleva il livello del proprio gioco, forzando alcuni servizi sul dritto dell’avversario per poi prendere il sopravvento col proprio colpo forte in top-spin. 11 a 8 per Bartolotta e iniezione di fiducia in vista del quarto set. Qui Turbo-Nic combatte spalla a spalla con Giordano, che sotto per 8 a 6 cerca la disperata rimonta chiudendo il nostro in difesa nel 15° scambio. Con grinta ed umiltà Nicola ribatte tre palline in campo da tre metri dietro il tavolo per poi contrattaccare con un dritto incrociato che strappa gli applausi tra gli astanti incanalando di fatto la contesa in suo favore. Dalla panchina Mondini fa un salto d’esultanza che quasi sfilaccia definitivamente i tendini della caviglia malandata. 11 a 7 Bartolotta e vittoria decisiva ai fini del risultato finale.

A seguire gli ospiti tentano la carta Daniele Ragazzo in luogo di Roberto Vecchio ma il nostro avversario non fa nemmeno tempo ad ambientarsi che Marco Gagliardi lo sconfigge in tre set senza storia. Prova di forza per il nostro capitano.

Sullo 0 a 4 improvviso colpo di coda degli avversari, intenzionati a non uscire con una “manita” da via Mecenate. Giordano nel primo set e mezzo tramortisce Guglielmi, a mal partito contro i servizi laterali del primattore rossonero. Purtroppo quando la giovane promessa di Mezzate inizia a raccapezzarsi, la partita è quasi compromessa. Nel terzo set  Alessio sembra aver imparato la lezione e si porta in vantaggio per 6 a 2 dimostrandosi superiore nel gioco di scambio. Poi però si lascia prendere dalla foga e l’esperto Giordano, dopo aver annullato un set point,  chiude 12 a 10 mettendo a referto anche una bellissima risposta di rovescio che manda in delirio i tifosi ospiti.

Alessandro Ciampitti nel primo incontro con Gagliardi era sembrato un pesce fuor d’acqua. Nel post partita il nostro simpatico contendente ricorderà di essere stato debilitato in settimana dall’influenza e non c’è motivo di dubitarne perché contro Bartolotta dimostra di essere un signor giocatore. Nicola tenta inutilmente nel primo set d’imbastire la consueta ragnatela di dritti liftati in top spin, perchè Ciampitti non solo blocca tutto, ma controschiaccia all’angolino sia di dritto sia di rovescio imponendosi con un inequivocabile 11 a 4. Manca suggerisce intelligentemente a Nicola di resettare tutto e di variare maggiormente i servizi, in particolare sul dritto dell’avversario, per aprirsi il campo. Pur non brillando come nella partitissima con Giordano, Bartolotta si rimette in carreggiata vincendo 13 a 11 il secondo set e cancellando un set point a Ciampitti che, se trasformato, avrebbe potuto riaprire non solo la partita, ma forse l’intera contesa. Sull’onda emotiva dello scampato pericolo terzo set abbastanza easy per il Bonacossa: si vince 11 a 7, ad un solo parziale dalla vittoria. Qui però il nostro rivale tenta il tutto per tutto, per tre volte si sposta sul lato del rovescio andando a segno con altrettanti spettacolari dritti inside-in. Nicola rema da fondo come i migliori terraioli del tennis, si aggrappa al dritto incrociato oltre che alla dea bendata. Sono proprio un nastro e uno spigolo a regalargli nel computo totale l’11 a 9 finale a suggellare il 5 a 1 finale per gli allievi di Luca Manca. Esultano i nostri, anche top chef Roveda anche lui al seguito della squadra.

C’è solo una capolista dunque, si chiama Bonacossa. Attenzione a non abbassare la guardia però: tra 6 giorni trasferta insidiosa contro il Nerviano, terza forza del campionato. La parola d’ordine sarà sempre la stessa: non abbassare la guardia e avanti decisi con gli allenamenti in palestra!