Mondini racconta la partita di D2 girone A del 22-11-2014

WP_20141011_001

Il Bonacossa snida le Aquile

Ottime indicazioni per capitan Gagliardi dopo la netta vittoria casalinga contro gli aquilotti dell’amico Flavio Baraggia. In primo luogo per se stesso visto che il nostro uomo bionico lascia le briciole nei suoi head to head ai malcapitati Minoia (talentuoso ma troppo falloso il giovane blues) e De Simone. In secondo luogo per il ritorno al successo di Roveda: nell’incontro con Minoia, il figliol prodigo Davide riesce a districarsi sul tavolo da ping pong meglio che sull’amato tavolo da cucina: servizi al vetriolo, dritti vincenti da sotto il tavolo (!), rovesci spiazzanti lungolinea. Sicuramente il miglior incontro di Davide da un anno a questa parte. Peccato che nel successivo incontro col fortissimo Luigi Fazzi il nostro portacolori si lasci ingabbiare dal ficcante gioco in scambio del giovane avversario per finire al tappeto in soli tre set con un solo sussulto d’orgoglio nell’ultimo parziale perso ai vantaggi. A vendicare la sconfitta di Roveda ci pensa Nicola Bartolotta nell’incontro tecnicamente migliore del giorno. Fazzi maramaldeggia nel primo set forte dei suoi servizi superiori.  Dalla panchina il capitano spinge il pongista calabro-monzese a prendere l’iniziativa e qui si vede come Nicola, pur non nella sua giornata migliore, sia in grado di vincere partite difficili. In una girandola di emozioni e scambi che deliziano la platea, al tie-break super-Nico si avvantaggia di alcuni nastri che sgretolano le sicurezze del simpatico Luigi per poi chiudere con un eloquente 11-6.
Sull’ 1-4 Baraggia tenta la carta della disperazione entrando in campo in luogo dell’evanescente De Simone. Di fronte trova l’amico Mondini, compagno di tante battaglie ai tempi dell’Unicredit. Dario, nuovamente condizionato dal problema alla caviglia (chiamerà anche un time-out alla fine del secondo set in seguito ad un doloroso allungo), lascia a 2 l’aquilotto facendo ben sperare la panchina locale. Poi al solito incappa nelle sue paure, si dimentica di avere anche il dritto, gioca col freno a mano tirato fino al quinto e decisivo parziale, dove quantomeno dimostra di aver ritrovato la grinta degli anni migliori e, grazie ad un paio di risposte di rovescio vincenti davvero spettacolari, piazza l’allungo vincente fino all’11-5 liberatorio. Imbattuti i Bonacossa’s boys, nuovamente di scena sabato a prossimo in quel di Vimercate nella tana del Banfi. Ex baby Guglielmi (ora ha anche la patente!), dopo il meritato riposo di questa settimana, sarà chiamato a dare nuovamente il suo prezioso contributo.